L’Eco di Bergamo – 24-03-2021

Nella provincia di Bergamo <<ogni giorno più di 30 mila addetti del terziario si trovano a lavorare a stretto contatto con i cittadini. ll rischio che corrono é alto>>: é la denuncia di Filcams-Cgil. Fisascat-Cisl e Uiltucs-Uil provinciali che chiedono con fermezza che <<i lavoratori di commercio, pulizie, vigilanza e servizi vengano considerati categoria da vaccinare subito>>. Durante il primo lockdown <<molti di Ioro erano stati definiti eroi, perché in trincea e quotidianamente a contatto con un alto numero di persone>>, commentano oggi i tre segretari generali Mario Colleoni di Filcams, Diego Lorenzi di Fisascat, Anila Cenolli di Uiltucs di Bergamo. <<La gratitudine e il rispetto di allora sono già stati dimenticati. Ai nostri occhi é incomprensibile escludere queste categorie di Iavoratori dal Piano di vaccinazione prioritario anti Covid-19. ll personale del commercio, della vigilanza, dei servizi di pulizia e sanificazione in ambito sanitario, sociosanitario e anche nelle Rsa é attivo: vaccinare tutti potrebbe essere l’inizio di una nuova fase>>.

Leave a Reply

Your email address will not be published.